the order of the silver phenix

Ombre e argento: svelare il segreto dei cavalieri

Scritto da: Teruel oggi

|

|

Tempo di leggere 4 verbale

Capitolo 8: L'incontro con i Cavalieri della Fenice d'Argento

Mentre Diego e Aisha continuavano il loro viaggio verso Rubielos, il loro percorso convergeva in un incontro inaspettato ma fortuito. Un battaglione dei Cavalieri della Fenice d'Argento, vestiti con la loro caratteristica armatura d'argento ornata con l'emblema della fenice, apparve all'orizzonte, cavalcando verso di loro con uno scopo. 


Cavaliere Comandante: (alzando la mano in segno di saluto) "Salve, viaggiatori! Abbiamo saputo della vostra impresa. La liberazione del nipote del patriarca è giunta alle nostre orecchie." 


Diego e Aisha, sorpresi da questo incontro, si scambiarono uno sguardo prima di rivolgersi al comandante. 


Diego: "Abbiamo fatto quello che chiunque avrebbe fatto al posto nostro. Siamo contenti che il ragazzo sia al sicuro." 

Aisha: "È stata una fortuna essere lì al momento giusto." 


Il Cavaliere Comandante smontò da cavallo, con un'espressione di sincera gratitudine.


Cavaliere Comandante: "Le tue azioni hanno fatto più di quanto pensi. Il clan zingaro che hai aiutato è stato di grande importanza per il nostro ordine. Sono i nostri occhi e le nostre orecchie in luoghi che non possiamo raggiungere. Le tue azioni hanno rafforzato un legame inestimabile." 


Diego: (con curiosità) "Stiamo proprio andando a cercare il tuo ordine a Rubielos. Abbiamo sentito storie sulla tua saggezza e volevamo saperne di più." 


Il comandante li guardò con ritrovato rispetto, annuendo in segno di comprensione. 


Cavaliere Comandante: “Il tuo viaggio ha già dimostrato il tuo valore. È raro trovare persone che agiscono con tale coraggio e altruismo. Sei il benvenuto tra noi. Vieni, ti scorteremo a Rubielos.

Quando i cancelli della roccaforte dei Cavalieri della Fenice d'Argento si aprirono cigolando, rivelando una fortezza che sembrava sussurrare antichi segreti e nobili gesta, Diego e Aisha entrarono in un mondo che trascendeva l'ordinario. La roccaforte, un'armoniosa fusione di natura e fortificazione, era animata dal tranquillo trambusto di cavalieri e scudieri.

Aisha: (con stupore) "Questo posto... è come entrare in una leggenda."

Diego: "Infatti. Ogni pietra qui deve avere una storia da raccontare."

Il Cavaliere Comandante, percependo il loro intrigo, iniziò a guidarli attraverso i tortuosi sentieri della roccaforte.

Cavaliere Comandante: "Il nostro ordine è stato per secoli il silenzioso guardiano di queste terre. Siamo lo scudo contro l'oscurità, i custodi dell'equilibrio."

Mentre camminavano, passarono davanti a campi di addestramento dove i cavalieri si allenavano con una fluidità che parlava di anni di pratica disciplinata, e giardini dove altri meditavano in serena contemplazione.

Diego: "Il tuo ordine sembra essere più che semplici guerrieri."

Cavaliere Comandante: "La vera forza, Diego, viene dall'armonia di corpo, mente e spirito. Ci alleniamo tanto nelle arti della pace quanto in guerra."

Furono poi condotti nella sala del Gran Maestro, una figura venerabile la cui presenza era allo stesso tempo imponente e confortante. Li salutò con un sorriso caloroso ma misurato.

Gran Maestro: "Diego, Aisha, il vostro coraggio non è passato inosservato. Avete mostrato qualità che apprezziamo nel nostro ordine."

Aisha: "Siamo onorati, Gran Maestro. Cerchiamo di comprendere e, se possibile, aiutare la vostra causa."

Gran Maestro: "Allora lascia che il tuo viaggio con noi abbia inizio. Abbiamo molto da insegnare e forse anche molto da imparare da te."

Nei giorni successivi, Diego e Aisha si immersero nelle vie dei Cavalieri della Fenice d'Argento. Si addestrarono nell'arte della spada, impararono le sottili tattiche dello spionaggio e furono introdotti ad antiche tradizioni tramandate di generazione in generazione.

Una sera, mentre il sole tramontava sui bastioni, Diego e Aisha si ritrovarono su un balcone che si affacciava sul vasto paesaggio.

Diego: "È un mondo diverso da tutti quelli che abbiamo conosciuto. Qui, ogni giorno è una lezione di forza e saggezza."

Aisha: "Sì, e sento che siamo solo all'inizio del nostro percorso."

In lontananza suonò un corno, segnalando l'arrivo di un messaggero. Il Cavaliere Comandante si avvicinò a loro con un senso di urgenza.

Cavaliere Comandante: “Una situazione richiede la nostra attenzione. Un villaggio vicino ha inviato una richiesta di soccorso”.

Diego e Aisha si scambiarono sguardi determinati, pronti ad affrontare qualunque sfida si presentasse. Mentre indossavano l'armatura, con l'emblema della fenice che brillava nel crepuscolo, sapevano che il loro viaggio aveva preso una svolta cruciale.

Segui Diego nelle sue avventure

Lovers of Teruel

Diego de Marcilla

Sono Diego de Marcilla, un nobile di Teruel le cui leggende e avventure si estendono oltre i confini del tempo. Sia come protagonista che come narratore di Il Avventure di Diego de Marcilla, Intreccio racconti che riflettono lo spirito vibrante e tumultuoso del XII secolo, il mondo che una volta chiamavo casa. Sebbene radicate nella realtà della mia epoca, queste storie fondono verità e finzione, dando vita al romanticismo, agli intrighi e alla cavalleria che hanno definito le mie giornate. Qui, all'interno di queste pagine, ti invito ad unirti a me in un viaggio attraverso un mondo dove storia e immaginazione si intrecciano, dove l'avventura attende ad ogni angolo e dove la mia saga rivela la passione, il tradimento e il valore che hanno segnato la mia vita.

Per saperne di più

Fateci sapere cosa ne pensate di questo capitolo e condividete le vostre idee nella sezione commenti qui sotto. Diego aspetta il tuo feedback

Ordine dei capitoli

Lascia un commento